Otto mucche da adottare

mucca 106Dopo mesi di incessante lavoro, trattative estenuanti, continui sopralluoghi, il 30 settembre siamo riuscite a portare in salvo le otto mucche di Suzzara, di cui vi abbiamo man mano raccontato la storia.

Grazie alle donazioni di Parma Etica, LAV Bologna, Coordinamento Fermare Green Hill, e ad Alma, Dante, Emily, Gloria, Maria Chiara, Silvia, Luca, Giulio, e le altre persone che hanno aderito al nostro appello, abbiamo raccolto di che pagare il loro viaggio verso la libertà.

Ora, quelle che erano solo numeri e cose, sono individui con un nome.
Sono Blu, Eva, Ikab, Io, Lilith, Polz, Verdena, Viola.
Grazie all’ospitalità dei santuari che le hanno accolte, hanno una casa, dove vivranno in libertà il resto dei loro giorni.

Polz ora smallMa liberare un animale non significa solo liberarlo dalle catene.
Liberare un animale significa anche garantirgli una vita serena, buon cibo, una casa ove ripararsi.
Tutto questo, per una mucca, significa aver bisogno di almeno 100 euro al mese.
Ed una mucca, se non sfruttata a morte per il suo latte o condotta bambina al macello, può vivere venti anni e più.

Per questo ti chiediamo di continuare a sostenerci e sostenere i santuari che hanno accolto le otto mucche.
Se puoi, adotta una di loro a distanza.
Oppure organizza un benefit, una raccolta fondi, una colletta.

Contatta la Rete per sapere come fare, o direttamente i santuari ospiti.

Per Polz, Verdena ed Io Agripunk.

Per Lilith Fattoria della Pace Ippoasi.

Per Viola, Ikab e Blu Vitadacani Onlus, Progetto Porcikomodi Magnago.

Per Eva Rifugio Miletta.

 

Print Friendly, PDF & Email