Come sostenerli

capra-che-ride

I santuari sono progetti molto dispendiosi, specialmente quando vengono ospitati animali di grandi dimensioni e soggetti malati. A differenza di un progetto puramente divulgativo, il santuario richiede un grande senso di responsabilità e di costanza nel tempo, visto che alcuni individui possono vivere anche per molti anni. Si deve far fronte a molte situazioni di emergenza (centinaia di animali in cerca di una casa), di sofferenza (soggetti malati, che soffrono e muoiono tra le braccia dei volontari), di autocontrollo (umani poco comprensivi che cercano di demolire l’idea di animale non umano libero, sia tra i privati che tra le istituzioni, Asl in primis), di fatica (non esistono giorni di riposo, non esiste festività, pioggia, vento o sole che possano portare a rinunciare al turno di volontariato, e specialmente in certe condizioni il tutto ricade in mano ai responsabili) e molte altre.

La gestione di un santuario è quindi estremamente gravosa, e non solo in termini economici. Probabilmente è per questo che ad oggi ce ne sono così pochi.

Ecco…a tutto questo aggiungiamo adesso la questione della raccolta fondi per far fronte alle molte spese mensili. Cibo, spese mediche, attrezzature, strutture, gestione organizzativa, portano ogni mese ad avere una uscita importante alla quale si deve far fronte, e l’unica soluzione è quella di supportare in tutti i modi possibili queste realtà.

Oltre quello economico, c’è il supporto del volontariato, altro fondamentale pilastro sul quale poggia un santuario. Ognuno è il benvenuto a contribuire con il proprio tempo e le proprie attitudini le attività del santuario, che vanno da quelle più fisiche di pulizia e somministrazione del cibo, a quelle più delicate come le cure ai soggetti più bisognosi, a quelle più organizzative per la partecipazione ai vari festival, presentazioni varie, lavoro di divulgazione, etc…

E per finire non dimentichiamo il preziosissimo supporto morale, senza il quale sarebbe ancora più difficile sostenere tutti gli impegni, le difficoltà e lo stress derivanti da essi.

Ognuno con le sue modalità ha bisogno di molto supporto senza il quale una realtà del genere non riuscirebbe a sopravvivere assolutamente.

Chiedete pure al santuario vicino a voi!

Sei un’associazione di divulgazione… Supporta la Rete dei Santuari di Animali Liberi in Italia!

Ci appelliamo a tutte quelle associazioni che si riconoscono nei principi della Carta dei Valori, per chiedere un importante sostegno. Ogni energia sarà preziosa per portare avanti questi luoghi, iniziando dal riconoscimento della loro centralità nel movimento di liberazione animale.

Cosa si può fare?

– organizzare benefit a sostegno dei vari santuari

– mettere il link sul proprio sito

– divulgare le adozioni a distanza, oltre che farne una per ogni associazione, e tutte le altre forme di sostegno

– aiutare nella mappatura del territorio nazionale

Per ogni richiesta scrivi pure a info@animaliliberi.org

Print Friendly, PDF & Email